28 dicembre 2007

[versi di Paul Valery - disegno mio]

26 dicembre 2007

Secondo proposito per il nuovo anno

" Amare. Essere amati. Non dimenticare mai la propria insignificanza. Non assuefarsi mai all'indicibile violenza e alla grossolana disuguaglianza della vita attorno a te. Cercare la gioia nei posti più tristi. Inseguire la bellezza fin dentro la sua tana. Non semplificare mai le cose complicate e non complicare mai le cose semplici. Rispettare la forza, mai il potere. E, soprattutto, guardare.
Cercare di capire. Non distogliere mai lo sguardo.
E mai, mai dimenticare"

[Arundhati Roy]

Primo proposito per il nuovo anno

Aprire il cuore
alla gioia di qualcosa
che può sempre nascere

Non buttare via
i sentimenti feriti
ma camminargli accanto

23 dicembre 2007

Il doveroso piacere della lettura



In questi giorni di grande fervore generale, io continuo a condurre la mia vita di sempre, al riparo dalla folla impazzita.
Non so spiegarmi la propensione a compilare liste, liste di tutto! Così, ho messo insieme tutti i libri che mi hanno fatto compagnia in questo ultimo anno così burrascoso.


"[...]La lettura serve davvero a volare o a sprofondare o a percorrere tutti i sentieri. Serve ad ascoltare rumori e suoni e voci mai ascoltate nel rifugio del cuore. Imparando a leggere si impara a vivere, soffiando via tante ombre[...]"

[Roberto Roversi intervistato da Dacia Maraini]


21 dicembre 2007


Hai preso la mia

vita da uno scaffale

e ne hai soffiato

la polvere

[Pasternak a Cvetaeva]

19 dicembre 2007

Sforzi e risultati


Il sì dell’ONU alla moratoria sulla pena di morte è sicuramente una grande vittoria civile, politica e umanitaria. Naturalmente gli Stati Uniti non hanno potuto esprimersi poiché sono i singoli Stati a votare, non il Presidente né il Parlamento. Infatti, attualmente sono 13 su 50, gli Stati dove il boia ha cessato la sua attività.

In ogni caso sono 104 i Paesi nel mondo che hanno votato sì contro 54 che hanno votato no e 29 che si sono astenuti...(COME SI FA AD ASTENERSI SU UNA COSA COSI' IMPORTANTE???????????)

Penso a tanti anni di lotta, anche nel mio piccolo, penso a come si può vincere quando ci si impegna veramente, quando un principio, un valore, un ideale sono così forti da unire le persone in azioni concrete.

Ma il mio pensiero, oggi, va soprattutto a Mumia Abu Jamal, il giornalista afroamericano che in questo mese ha “compiuto” i suoi 27 anni di carcere, nel braccio della morte di Greene in Pensylvania.

Se, chi passa di qui, desidera saperne di più...

http://mumia.malcolmx.it/storia/caso.htm



17 dicembre 2007

Ingrid Betancourt

“Il silenzio che uccide”



Ho pensato moltissimo, in questi giorni, all'ultimo video di Ingrid Betancourt e alla sua lettera alla madre...Le sue condizioni, la sua stanchezza, la sua forza, la lotta sempre più stanca...Il suo amore per i figli, quei nomignoli con cui li chiama...che struggimento!

foto_ingridComitato per la liberazione di una donna e di un'idea

12-12-2007 AFP, Union Radio, Reuters, Le Monde, France info.

Il vicepresidente colombiano, Francisco Santos, ha severamente criticato l'azione dei comitati di sostegno a Ingrid Betancourt (FICIB) che, secondo lui, intralciano la sua liberazione, condannandola a essere liberata per ultima, in ragione del suo aumentato valore. Francisco Santos, nel corso di una conferenza stampa a Washington,ha lodato invece l'azione del governo francese, che ha fatto della liberazione di Ingrid una delle sue priorità. La FICIB ha appreso con rammarico le dichiarazioni del vicepresidente, precisando che la nomina di Ingrid Betancourt a cittadina onoraria da parte di più di 2000 città nel mondo,non ha certo elevato il suo prezzo di riscatto, perché già nel 2002, quando era stata sequestrata dalle FARC, la richiesta era il rilascio di 500 guerriglieri imprigionati contro la liberazione di una cinquantina di ostaggi. Che è lo stesso prezzo di scambio richiesto dopo quasi 6 anni. L'azione dei comitati, dice la FICIB, è servita invece ad aumentare l'interesse internazionale in Europa e nelle Americhe, stimolando sempre più paesi nel mondo a impegnarsi per risolvere un problema che ristagna da decenni. "Se Ingrid e Clara sono ancora vive -aggiunge Yolanda Pulecio, mamma di Ingrid- è proprio grazie alla mobilitazione mondiale attivata dai Comitati."

Per saperne di più rimando al sito

http://betancourt.triveneta.tv/firme.php

15 dicembre 2007


Volevo dirglielo


Volevo dirglielo quel giorno

Che la mia vita zoppica.

Mentre sorseggiavo con gli occhi bassi un succo

che lui chiamò last al limone.

Volevo dirglielo

In quel bar

sotto quell’ombrellone che ombreggiava

un angolo sbagliato.

Ogni tanto, con finta distrazione, il mio sguardo cadeva

su alcuni particolari,

A cercare nuove tendenze acquisite

o tracce di un passato che ci eravamo lasciati alle spalle.

Un orologio da polso, il colore della camicia, la marca delle sigarette…

Le sigarette univano passato e presente.

E io volevo dirglielo

che la mia vita zoppica

I passanti smaniavano per la spesa da ultimare

e moderni genitori si affrettavano a raggiungere l’uscita

della scuola

Mentre io cercavo di scuotere briciole

di ricordi impazziti e stringevo forte la freschezza del bicchiere.

13 dicembre 2007


quanto ci piace il calduccio della stufa a legna...



23 novembre 2007

Addio a Béjart






http://tv.repubblica.it/home_page.php?playmode=player&cont_id=14672

in questa pagina di Repubblica si possono vedere alcuni video di balletti con le sue coreografie...Immagini di una bellezza commovente...da pelle d'oca!

8 novembre 2007

Per Napo

Oggi, questo mi torna...

La gentilezza

l'eloquio scurrile

la colazione a letto...

L'immagine più bella

quella di cui ho forse più bisogno

saperti a passeggio per la campagna

all'alba con i cani al tuo fianco

Mentre noi sorseggiavamo il caffè ancora a letto

Le continue discussioni

utilissime e inutili

l'infaticabile confronto su tutto

e gli articoli di giornale, e la musica, i libri, il cinema, le storie

le storie, nostre e degli altri

Storie forti

dove c'era sempre troppo cuore di mezzo

La poesia, tanta bella poesia

Le troppe sigarette il troppo vino

Molti abbracci, molta fraterna tenerezza,

molto amore

Molta vogliadilibertà

E il culto delle cose andate

sempre sul filo di una vita nostalgica

Irretire Irretire

E porte che non si potevano aprire

Io vivevo quasi da regina

senza saperlo

Rientri a casa che sapevano

di panni messi ad asciugare sulla stufa a legna

e di passati di verdure con i crostini

miracolosamente sopravvissuti al forno

Tanti bellissimi versi sulle donne

senza tuttavia sforzarsi mai abbastanza

di conoscerle davvero e capirle

Risate giochi

un pò sul serio un pò per gioco.......................

Mi hai promesso un ballo in una piazza di Firenze

amico mio infedele

non dimenticarlo quando ci ri-incontreremo

2 novembre 2007

ll paesaggio della mia anima

Ciottoli di nostalgia

ciuffi d'erba

che sanno di speranza

e cielo

tanto cielo che parla di assenze

E poi nuvole di coraggio

che affrontano grandi battaglie

Coscienza pulita

Paul Tibbets, il pilota che sganciò la bomba atomica su Hiroshima, dove morirono 140mila persone, è morto ieri negli Stati Uniti

Aveva 92 anni. Ha detto:

"Non sono orgoglioso di aver ucciso migliaia di persone. Ma la notte dormo bene"

31 ottobre 2007

...tanto per stare allegri


...fresche fresche in questi giorni, due belle notizie di quelle che ti appagano e ti fanno sentire che verità e giustizia sono concetti..........discutibili, và!

Il governo di Zapatero sta cercando di varare una legge, avversata dalla Chiesa, per condannare ufficialmente il regime di Franco.

Per tutta risposta, nell’anniversario del golpe spagnolo, il vaticano beatifica i preti spagnoli che hanno appoggiato la dittatura di Franco.

Una beatificazione di massa (la più numerosa della storia, pare)!

498 preti, suore, vescovi e laici uccisi in odium fidei in Spagna nel ’34, ’36 e ’37.



L'altra bella notizia è la bocciatura della Commissione d’inchiesta sul G8 di Genova e per approfondire rimando al sito

http://www.processig8.org


27 ottobre 2007

24 ottobre 2007

precariato

sono precaria da quasi vent'anni e, chissà come mai, non riesco ad immaginare un momento in cui smetterò di esserlo...c'è di peggio, certo...un bel giorno che chissà come tira il vento, potrei pure perderlo questo posto di lavoro! E ci abbiamo provato a vivere l'attimo, ci siamo fatti grandi col carpe diem...ora inizia la stanchezza del sentirsi sempre...............
come d'autunno sugli alberi le foglie

Amore dopo amore

Tempo verrà
in cui,con esultanza,
saluterai te stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell'altro,

e dirà: Siedi qui. Mangia.
Amerai di nuovo lo straniero, che era il tuo Io.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato

per tutta la vita, che hai ignorato
per un altro e che ti sa a memoria.
Dallo scaffale tira giù le lettere d'amore,
le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine.
Siediti. E' festa: la tua vita è in tavola.
[Derek Walcott]

...e giusto per iniziare il blog...dedico questi bellissimi versi a me stessa (come incoraggiamento!) e a tutte le persone che dimenticano se stesse, ogni tanto e sempre più spesso.