11 luglio 2017

intenzioni














aiutiamoli a casa loro

6 gennaio 2017

quella mattina



Camminavo, quella mattina, con lo sguardo a terra, come quando si percorrono strade conosciute e tutto sembra scontato.
Odori, suoni, colori.
Le strade che si intersecano, lunghe e strette. Le case, quella casa… di un colore instabile, un avventuroso fai-da-te restituisce diverse tonalità di giallo. L’altra, che ha la forma di un triangolo isoscele e sempre mi fa immaginare stanze appuntite…
Sembra tutto già noto.
Quella mattina io ero dentro a giorni storti, dentro fino al collo…
E  quando gira così mi sento immeritevole di qualunque cosa, soprattutto della meraviglia e dello stupore. E camminavo con lo sguardo a terra.
Poi però ho alzato la testa a controllare l’umore del cielo, e questo ho visto
I peluches stesi ad asciugare. E quella casa, di colpo, ha cessato di essere scontata.
Un’immagine così. Una tenerezza penetrante. Un semplice gesto di cura che andava ad aggiungersi ad altri, forse dati per scontati. 

L’amorevole attenzione di chi ha a cuore…