27 febbraio 2010

se

[da: Marcos Ana, Ditemi com'è un albero : Memorie della prigione e della vita, Crocetti, c2009]


La mia casa e il mio cuore (sogno di libertà)


Se un giorno tornerò alla vita
la mia casa non avrà chiavi:
sempre aperta, come il mare,
il sole e l’aria.

Che entrino la notte e il giorno,
la pioggia azzurra, la sera,
il pane rosso dell’aurora;
la luna, mia dolce amante.

Che l’amicizia non trattenga
il passo sulla soglia,
né la rondine il volo,
né l’amore le labbra. Nessuno.

La mia casa e il mio cuore
mai chiusi: che passino
gli uccelli, gli amici,
e il sole e l’aria.

7 commenti:

rom ha detto...

Arnica, lo so che corro qualche rischio... :-)

La mia casa e il mio cuore... mai chiusi?
Mai chiusi/sempre chiusi?
Come il mare, il sole e l'aria - che sono indifferenti? Se, pur non essendo indifferente nel senso che non sono anaffettivo, non vedo differenze in chi entra nella mia casa e nel mio cuore, o le vedo ma non faccio differenze e lascio entrare tutto e tutti, sono di fatto indifferente. Ci può essere un'altezza, in questa indifferenza.
Altezza da vette himalayane.
Là, non crescono nemmeno gli alberi.

lodolite ha detto...

mi piacciono questi versi, c'è il legittimo desiderio di sentirsi parte di un tutto,
ciao simona

giorgio ha detto...

E se entrano i ladri e mi portano via cose e anima?
Giorgio

guglielmo ha detto...

Quanti spifferi in questa casa -:)))

giulia ha detto...

Bellissimi versi... Un caro saluto

Giovanna ha detto...

Quando ho letto questi versi...alcuni giorni fa...non ho commentato perchè il mio pensiero è corso ad una persona che conosco che è in carcere. Ho pensato a quanto è pesante lo stato di detenzione...a quanto sia fondamentale la libertà...ho pensato a come mi trovo a disagio quando gli scrivo...perchè devo stare in equilibrio...stando ben attenta a raccontargli quanto accade fuori senza fargli sentire la nostalgia struggente di quel che sta perdendo...il mare, gli uccelli, gli amici, il sole e l'aria...

Arnicamontana ha detto...

Giovanna: grazie, è proprio pensando ad un amico in carcere che ho pubblicato questi versi. Capisco e trovo molto bello l'equilibrio che cerchi scrivendogli. Baci

Rom: devo seriamente interrogarmi sul perché qualunque cosa io pubblichi susciti in te riflessioni sull'indifferenza... però questa volta sono anche un po' d'accordo con te ;-)